Gli Itinerari

Il territorio dove è ubicata la cittadina di Cuglieri confina con una regione storico-geografica della Sardegna occidentale: la Planargia; la monotona morfologia di questa piccola pianura attraversata dal fiume Temo e lambita dal mare si interrompe bruscamente all'insorgere della dorsale accidentata del Montiferru. Nell'ambito di questo paesaggio, Cuglieri occupa una posizione privilegiata. Circondata da vigneti ed oliveti ha alle spalle una caratteristica zona montana e si apre su una piana degradante verso il mare.

Interessanti itinerari storici, archeologici, naturalistici e paesaggistici possono essere effettuati verso la costa, la pianura e la montagna.

La costa offre scogliere calcaree, insenature, archi naturali (S'Archittu, su Fossigheddu), resti di antiche civiltà come Cornus, e l'antica Pechinoriu ora Santa Caterina di pittinuri. Nella pianura retrostante, ricca di sorgenti, sono evidenti testimonianze di una arcaica cultura contadina come testimoniano ad esempio gli antichi mulini a pale.

Il Montiferru, può essere definito come "il gigante dei vesuvi sardi" o come fu definito nel 1918 dal La Marmora nel suo "Itinerario" una delle zone più suggestive ed interessanti della Sardegna.

Il Montiferru si eleva irregolare sino a 1050 m con diverse cime fortemente battute dai venti:

che permettono una ampia vista panoramica; lo sguardo può infatti spaziare dal golfo di Oristano sino a quello di Capo Caccia e dell'Asinara.

Ecco due splendidi Itinerari

    1. Cuglieri-Badde Urbara
    2. Cuglieri-Foghe